domenica 11 marzo 2018

matrimonio


Roberta e Maurizio Oggi Sposi

Sono momenti che lasciano il segno

E vanno affrontati con grande impegno

Sono momenti  tra i più emozionanti

Per  Sposi, parenti, amici ed (ex) amanti

 

La Chiesa addobbata con tanti fiori

La Sposa che entra con tutti gli onori

Lo Sposo all’altare con l’occhio bagnato

Si vive l’evento per mesi agognato!

 

All’ingresso due Singles, di lunga data

All’uscita una coppia ormai Consacrata

E a fare la storia una frase scolpita

“amarsi e onorarsi per tutta la vita”

 

Il resto, è solo cornice all’evento

Del vostro amore, coronamento

Ma per la platea, disinteressata

Si aspetta una bella, copiosa mangiata

 

Cosa augurarvi, Maurizio e Roberta

Che il vostro amore sia cosa certa

E che la strada da voi intrapresa

Sia una dolce, gioiosa discesa

Matrimonio posticipato con figli testimoni


Per Cristiano e Lucia





Caro Cristiano, cara Lucia,

la vita scorre, scivola via

e nel percorso lungo e tortuoso

il vostro amore è più rigoglioso



sono passati degl’anni e due figli

e siete giunti a miti consigli

avete deciso di fronte al Signore

di confermarci il vostro Amore



Ci avete pensato e riflettuto

E forse anche, un po’ dibattuto

Ma eccola giunta, la decisione

Presa sul filo dell'emozione



Stefano e Gaia i vostri piccini

Saranno con voi, coi loro visini

Un po’ incuriositi si chiedon stupiti:

Ma come cavolo ci hanno vestiti?



E nella Chiesa, davanti all’Altare

Ascolteranno senza fiatare

La loro Mamma e il loro Papà

Che si prometton eterna lealtà



Parteciperanno con occhi innocenti

Al vostro SI, davanti ai presenti

Mentre sprigiona dal vostro cuore

un immenso, dolcissimo amore



Quale momento più intenso, più vero

D’urlare a tutti l’amore sincero?

E proprio lì, voi lo farete

Dentro la Chiesa, di fronte al Prete



E noi da qui, cari cugini

Virtualmente,  vi saremo vicini

e arriverà portato dal vento

il nostro augurio di almeno altri cento



Cento gli anni del Matrimonio

cento milioni di patrimonio

cento per cento di felicità

che a voi la vita, sempre darà


Auguri in tutte le lingue del mondo


Arabic: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah

Bulgarian: Tchestita Koleda Soursdey Noe

Catalan: Bon Nadal i un Bon Any Nou!

Chinese [Mandarin]: Sheng Dankuai Le

Chinese [Cantonese]: Sing Daan Faai Lok

Dutch: Vrolijk Kerstfeest en een Gelukkig Nieuwjaar!

 

English: Merry Christmas and Happy New Year!

 

Esperanto: Gajan Kristnaskon

Finnish: Hyvää joulua

French: Joyeux Noël·

German: Frohe Weihnachten!

Greek: Kala Christouyenna!

Hungarian: Kellemes Karacsonyi unnepeket

Iraqi: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah

Irish: Nollaig Shona Dhuit

 

Italiano: Buon Natale e Felice Anno Nuovo

 

Japanese: Shinnen omedeto. Kurisumasu Omedeto

Norwegian: God Jul OccitanPulit nadal e bona annado

Polish: Wesolych Swiat Bozego Narodzenia

Portuguese: Feliz Natal e Próspero Ano Novo!

Russian: Srozhdestovm Kristovim

Serbian: Sretan Bozic i sretna nova godina

Spanish: Feliz Navidad

Swedish: God Jul, Ett Gott Nytt År

Turkish: Noeliniz Ve Yeni Yiliniz Kutlu

Battesimo di mio figlio LUCA


07 settembre 2008

 

Era un giorno freddo, gelato

Era gennaio, e tu sei nato

Il nostro Luca, dolce piccino

Quanto hai lottato! Io ero vicino

 

E ce l’hai fatta, piccolo amore

Per noi terribili son quelle ore

Tu isolato, coi tubicini

Mentre piangevano gli altri bambini!

 

C’è chi pregava per star tranquillo

Noi pregavamo per uno strillo

Per risentirti urlare al mondo

“ci sono anch’io, bello e giocondo!”

 

Brutti momenti da ricordare

Eppur nella vita ci possono stare

Se il risultato è solo quello

Sei qui che ridi, nel tuo girello!

 

Or siam riuniti di fronte all’Altare

Ci guardi curioso, non sai parlare

Per noi sei tu, il primo attore

Che verrà accolto da nostro Signore

 

 

Unto dall’olio, bagnato il testino

Non piangi affatto come un destino

Accogli Dio nella tua vita

Per te comincia per altri è finita

 

E’ lei, la Bis, ancora presente

Viva e forte nella mia mente

So che è felice tesoro mio

Perché ora sei nella mani di Dio

 

Mi sento felice, esplodere il cuore

Cos’è questa vita senza il Signore?

Un cumulo inutile di cose, di oggetti

Che più ne hai e più te ne aspetti

 

E duro è il cammino, spesso in salita

Ma Lui ci aiuta per tutta la vita


E se poco fa, parlavo di morte

Se penso a Lui mi sento più forte

 

Accogli oh Dio mio figlio, mia figlia

Proteggi, ti prego, la mia famiglia

E noi con la fede e l’umiltà

Con Te vincerem le difficoltà

 


 

Ed ora ringrazio voi tutti presenti

Che siete con noi in questi momenti

E che ci mostrate il vostro calore

Che cosa può esserci di più valore?

 

Nonna, per te ancora un pensiero

Che è così vivo quel giorno nero

Quel giorno in cui, ti sei arresa


E hai cominciato la tua ascesa

 

Guarda quaggiù il tuoi nipotini

Sii l’artefice dei loro destini

Proteggili e donagli ogni mattino

Felicità, salute … e un bacino

 

 

 

Daniele 2008
U n Traguardo Importante 80 anni



Cara Giancarla, la gioia è tanta

nell'annunciare: ecco gli ottanta!

Che bel traguardo, hai qui raggiunto

ed è il momento di fare il punto



Ottanta anni, vissuti appieno

e in cascina, hai messo del fieno

per affrontare, il lungo cammino

di questo vivere, a noi vicino



Tanti momenti, da ricordare

tu da piccina, al casolare

tra mamma e papà, c'era calore

tra voi fratelli, tantissimo amore



Forse non v'era, tanta abbondanza

ma sufficiente, a riempire la panza

e con la mucca, e le galline

formaggio, latte, e frittatine



Son gli anni in cui, adolescente

scopri di essere, molto attraente

ma non sei pronta, a fare il salto

finché non conosci, un giovane alto



con timidezza, ma decisione

avete iniziato, una nuova unione

Dunque Giancarla, vuoi tu l’Alberto

Che si presenta a cuore aperto?



Si lo confermo: io qui ti sposo

tu tra gli uomini, il più affettuoso

Si lo confermo: la mia metà

tu tra le donne la mia maestà



Che bella la vita, la vita è bella

e dall'unione, nasce una stella

la mia Daniela, avete creato

e io per sempre, te ne sarò grato



Piccoli passi, e sacrifici

si cambia casa, e nuovi amici

molto lavoro, poco lo svago

ma tu riman,i in riva al lago



Che bella l'isola, che bella vista

ha proprio un fascino che tutti conquista

E per vederlo, ogni mattino

a Someraro, comprate un villino



Un viaggio al mare, ed ecco Sanremo

e' pieno inverno ma è tutto sereno

tiepido il clima, bello è il mare

ed ecco un nido, per ritornare



Passano gli anni uno per uno

Ci sono anch’io nel 91

Conosco Daniela, la vostra figlia

E m’accogliete, nella famiglia



Che pranzi! Che cene! Che manicaretti!

Era impossibile trovare difetti

Con gli antipasti, il paté i ravioli,

che squisitezza anche da soli!



Poi dei ricordi particolari

Per quei mitici, dolci speciali

Che tuo marito, ci preparava

E che tutt'insieme si degustava.



Il semifreddo, la millefoglie

E lo zuccotto, chi mi lo toglie!

Poi la Mont Blanc e i bigné

Panna, meringa e marron glacé



Arriva il tempo, della pensione

Ma riposarsi è fuori questione

Comincia un duro, lungo Calvario

E tu ne porti ancora il Sudario



Povero Alberto, quanto dolore

Ma ti ci sei, in quelle ore

E lo sostieni, aiuti e conforti

Rendi noi tutti più uniti, più forti



Nasce la Laura la nostra piccina

Un raggio di sole tanto è carina

Porta la gioia, allevia il dolore

Delle sue ultime, tristissime ore



Ultime ore, passate da soli

Ma lui ha voluto rifare i ravioli

E adesso il vuoto, che ha lasciato

Mai e poi mai, verrà qui colmato


Arriva Luca, nipote diletto

Ma quanta paura per quel frugoletto

Lui ha lottato, ad ogni costo

Nella famiglia, per prendere posto



Il tempo scorre, tra alti e bassi

E si susseguono, i nostri passi

C’è la salute che lascia perplessi

S'intorpidiscono, un poco i riflessi



Ci sono mesi in cui tutto va bene

Altri in cui servono, pastiglie e creme

Fai qualche visita qualche controllo

per mal di schiena e mal di collo



Un pò di dieta al pinzimonio

e votiamoci tutti a Sant'Antonio

nella speranza che stia nelle Chiese

e restino alte, le tue difese



Ma nel Burraco, sei campionessa

Vincerai ancora, è una scommessa

E tra Gignese, Carciano e Baveno

E’ molto difficile tenerti a freno



Cara Giancarla che altro dire

Che il tuo futuro è da scoprire

Vai piano piano, passo per passo

Oltre ogni ostacolo, oltre ogni masso



Alza la testa, lo sguardo fiero

Affronta tutto il mondo intero

Con il mio augurio di tutto cuore

Di tanta salute e il pieno d'amore







Beau Rivage 2017


Questa sera qui riuniti

Siamo tutti un po’ esauriti

Da un’annata lunga e tosta

Proseguita senza sosta



E’ iniziata un po’ in sordina

Nella spenta cittadina

Beau Rivage è stato il primo

E per questo io vi stimo



Non guardar solo i guadagni

Come fan altri taccagni

Ma pensar al dipendente

Che sarà riconoscente



Tra reparti qualche problema?

Qualche screzio, qualche scena?

Tra la sala e la cucina

Tra i facchini e la piscina?



Ma si dai, che ci può stare

E non c’è altro da fare

Per sanare il battibecco:

che un bicchiere di prosecco!



Quindi grazie a te Rosanna

E la vista mi si appanna

A pensar quel che hai passato

Che alle spalle tu hai lasciato



Ti doniamo un po’ di creme

Da usar da sole o insieme



Per ridar tono alla pelle

Ti fan bella tra le belle



Quindi grazie. Caro Arturo

Col tuo far burbero e duro

Ma in realtà tu ci vuoi bene

Pur se siam tue gioie e pene



A te diam qualche pralina

Da gustar sera o mattina

Per trovar qualche momento

Di dolcezza e godimento



Quindi grazie al nostro Marco

Che nei cuori ha aperto un varco

E con forza e dedizione

Porta avanti il carrozzone



A te diam un portafoglio

Che al momento è vuoto e spoglio

Ma l’augurio e di riempirlo

Come far, sta a te scoprirlo



Quindi grazie a tutti quanti

Passo a passo andiamo avanti

e si spera che il futuro

sia più roseo e sicuro

Questa cena è un gran bel dono

Sarà certo tutto buono

E che ognuno ricominci

A grattare i gratta e vinci!

Buon inverno a tutti!


venerdì 16 gennaio 2015

NOIA

Vago inerme sospinto dal tempo

Nulla mi scuote da questo torpore

Non parlo, non vedo, non tocco, non sento

Pensando al nulla, per ore e ore